Vai al contenuto

Olio di canapa e olio di CBD: proprietà e differenze

Olio di canapa e olio di CBD che differenza c’è? Hanno gli stessi effetti? In questo articolo proviamo a fare un po’ di chiarezza su questi due prodotti che, sebbene siano oramai molto diffusi, generano ancora confusione in moltissime persone.

Sebbene l’olio di semi di canapa e l’olio di CBD siano fatti utilizzando la pianta di canapa, l’olio di semi di canapa di per sé non contiene CBD, né alcun altro cannabinoide.

OLIO DI CANAPA

Ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi, è molto noto per l’ottimo equilibrio di acidi grassi essenziali omega 3 e omega 6 e per le importanti proprietà antiossidantiimmunomodulanti ed antinfiammatorie di cui è fornito. È una delle poche fonti alimentari di acido alfa linolenico, utile contro le coronaropatie, nell’abbassare la pressione e nel combattere l’eccesso di grassi nel sangue. Il suo sapore ricorda quello delle nocciole e va utilizzato a crudo per preservarne intatte le straordinarie qualità nutritive e virtù terapeutiche.

Dalla cucina alla cosmetica i suoi usi sono svariati:

  • in cucina: come condimento per insalate, verdure, in aggiunta a frullati e centrifugati di frutta e verdura (1 cucchiaio). Lo si può assumere, inoltre, come se si trattasse di un vero e proprio integratore naturale, da 1 a 3 cucchiaini al giorno
  • In cosmetica: viene utilizzato puro o come parte della formulazione di prodotti specifici per la cura della pelle di tutto il corpo e dei capelli. Grazie alle proprietà emollienti ed anti-invecchiamento, perché ricco di sostanze antiossidanti, il suo impiego riguarda soprattutto la formulazione di cosmetici antiage e idratanti. Ma non solo. Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, in unione ad altre piante officinali come Arnica MontanaCentellaIpericoArtiglio del Diavolo, questo olio è un grande alleato contro dolori e affaticamento muscolari.

OLIO DI CBD

Il CBD, o cannabidiolo è uno tra gli oltre 100 fitocannabinoidi finora identificati nella pianta della cannabis, il secondo componente in ordine di abbondanza dopo il THC e che, a differenza di quest’ultimo, non ha effetti psicoattivi. Non provoca quindi  stordimento e non influisce sull’attività cerebrale e sulle funzioni cognitive. Estratto dalle infiorescenze della pianta, si sta dimostrando molto utile contro i dolori e le infiammazioni croniche.

A differenza dell’olio di canapa, il CBD interagisce indirettamente con il nostro sistema endocannabinoide (che regola una grande varietà di processi sia fisiologici che cognitivi, come l’appetito, la sensazione di dolore, il piacere, l’umore il sonno), modulandolo e riportando omeostasi nell’organismo.

Le modalità di assunzione sono molteplici: dalle tisane, alle caramelle e gomme da masticare, dalle creme e pomate ad uso topico, ai cristalli e olio. L’approccio è diverso per ognuno di noi e varia secondo le proprie necessità, sebbene l’olio di CBD sia tra le scelte più gettonate.

Home » Olio di canapa e olio di CBD: proprietà e differenze

Vuoi saperne di più sul mondo della canapa?

Iscriviti per ricevere aggiornamenti su nuovi articoli del blog, prodotti e promo.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento